N°13/2010 Registro Stampa Trib.di Roma il 19/01/2010 - Direttore Responsabile: Giulio de Nicolais d'Afflitto.
NUMERO 159° Aprile 2024 Anno XIV°  

TEATRO DELLE MUSE “PRIMA LA MAMMA E POI LA MOGLIE” GRANDE SUCCESSO DI PUBBLICO E RISATE

 PRIMA LA MAMMA E POI LA MOGLIE”

LA TRADIZIONE ATTUALE

DI GEPPI DI STASIO

 

CON WANDA PIROL, RINO SANTORO, GEPPI DI STASIO

FINO AL 13 APRILE 2014

TEATRO DELLE MUSE “PRIMA LA MAMMA E POI LA MOGLIE” GRANDE SUCCESSO DI PUBBLICO E RISATE

 Grande successo al Tetro delle Muse per lo spettacolo “PRIMA LA MAMMA E POI LA MOGLIE”, una commedia scritta da Geppi Di Stasio, ed ispirata ad un suo precedente lavoro compreso nella “Trilogia della mamma” sul tema della regressione del maschio verso il grembo materno.

Riflessioni e sorrisi conquistano il pubblico, che non nasconde il proprio entusiasmo di fronte alla bravura dei protagonisti Wanda Pirol, Rino Santoro, Geppi Di Stasio, impegnati sulla scena a dare vita alla complessità di un rapporto familiare che si mescola a dinamiche politico/giudiziarie in un divertente tourbillon in cui l’invadenza e il senso di colpa materno determinano gli equivoci divertenti di cui tutti i protagonisti sono alternativamente vittime e carnefici.

Matteo, dopo aver scontato sei mesi di carcere da innocente come assessore alla Nettezza Urbana del Comune di Napoli e soprattutto dopo un solo anno di matrimonio, ha il desiderio di godersi un periodo di meritata inattività  che appare legittimo a tutti. Il guaio è che, per vigilare sul riposo di costui, la mamma impone la sua presenza e quella del suo compagno, dal quale è soggiogata, che è anche il responsabile di tutti i guai giudiziari subiti dal poveretto. Violentato nel suo privato soprattutto dalla smania di modernità ai limiti del patetico della coppia importuna, Matteo, per liberarsene, può far leva sull’unico spiraglio di ricattabilità del patrigno che è la interessata sottomissione ad un fratello potente esponente del clero non solo locale.

Il finale simbolico sulla apparente soluzione del problema della “monnezza” ad opera del “santo” di turno, contribuisce a rendere questa commedia uno sguardo disincantato ed attuale sulla bruciante realtà napoletana con caratteri ai limiti del probabile, in assoluta coerenza al nostro stile, verso i quali viene espresso un giudizio critico, divertente e divertito sui loro futili affanni quotidiani. Sulla scena anche Claudio Veneziano, Tilde De Spirito, Roberta Sanzò.

Numerosi anche i volti noti in platea, tra cui: gli attori Alex Partexano e Vincenzo Bocciarelli, il direttore d’orchestra Jacopo Sipari di Pescasseroli, gli editori Giò Di Giorgio e Riccardo Antinori, l’ex modella Mara Keplero, il patron di Miss Motorissima Maurizio Mazza, la sociologa Deborah Bettega, Livio Falletta, Danilo Novelli, ex concorrente del Gf 12, la ballerina Roberta Ficarra, il cantautore Enzo Ferrari, l’attrice Alexandra Filotei.

E nel foyer gli ospiti sono stati accolti dai profumi e dai sapori dei prodotti “Antichi Sapori d’Italia” che hanno conquistato anche i palati più esigenti.

Pubblicato: 29/03/2014
Share:


Ultime interviste