N°13/2010 Registro Stampa Trib.di Roma il 19/01/2010 - Direttore Responsabile: Giulio de Nicolais d'Afflitto.
NUMERO 161° Giugno 2024 Anno XIV°  

FORMA BONUM FRAGILE EST La bellezza è merce fragile

 L’anima incontra L’arte con poesie, foto, interpretazioni e luci


Sabato 25 marzo dale ore 18 alle ore 22 
Presso Möbius – Via dei SS.Quattro 90, Roma
FORMA BONUM FRAGILE EST La bellezza è merce fragile

FOTOGRAFO: Claudio Enea

POESIE: Alessandro Gravano
MUSE: Adina De Santis, Patrizia Tamagnini, Beatrice Rinaldi 
 
Il progetto “forma bonum fragile est” tratta una mostra fotografica dove ogni scatto viene accompagnato da una poesia inedita scritta appositamente per quella fotografia, che andrà ad arricchire e descrivere profondamente lo stato emotivo della foto stessa.
Le foto e le poesie sono state stampate su materiale Forex (formato foto 20x30)
 
La mostra prevede, inoltre, un’apertura con tre monologhi legati tra di loro: raccontano storie di tre donne. La durata complessiva è di circa dieci minuti. (Le muse e attrici Adina De Santis, Patrizia Tamagnini e Beatrice Rinaldi)
 
Sabato 25 marzo dale ore 18 alle ore 22 
 
Presso Möbius – Via dei SS. Quattro 90, Roma
 
Prezzo €5 (tessera associativa) incluso Open Bar
 
PRENOTAZIONI:
 
Inviare un messaggio WhatsApp o SMS al 342 008 4113 
indicando nome e cognome e numero dei posti da riservare.
 
-------------------------------------------
"La fotografia è un opera d'arte. Una storia di vita con espressioni, sentimenti, attimi immortalati nel tempo. Ho voluto raccontare la bellezza degli scatti di Claudio Enea, catturando l'emotività che riescono a trasmettere, attraverso la scrittura. 
Forma bonum fragile est, è un incontro fra immagini, parole, recitazione e atmosfere per accompagnare lo spettatore a interagire con la propria sensibilità, guardandola con il cuore e ascoltandola con l'anima". Alessandro Gravano

“La ricerca nella fotografia mi ha avvicinato moltissimo allo stile pittorico, ne sono sempre rimasto affascinato. Ricostruire attraverso una nuova forma d’arte, quale può essere la fotografia, quello che gli artisti di un tempo volevano trasmettere attraverso l’uso di pennelli e colori ma soprattutto di luci ed ombre, emozioni e stati d’animo fermati su tela, sintesi dell’immagine impressa nella mente del pittore. Questo progetto mi ha intrigato fin dal primo momento perché si trattava si, di trasmettere emozioni, ma questa volta non solo attraverso l’arte visiva, andare in profondità e legare parole e immagini dove non deve esistere confine emozionale, dove la fotografia è sintesi della poesia e viceversa. Spero di essere riuscito nell’intento e di aver assecondato le aspettative di una mente creativa come quella di Alessandro in un progetto del tutto nuovo per me”. Claudio Enea
 
Pubblicato: 08/03/2023
Share:


Ultime interviste