N°13/2010 Registro Stampa Trib.di Roma il 19/01/2010 - Direttore Responsabile: Giulio de Nicolais d'Afflitto.
NUMERO 137° Giugno 2022 Anno XII° Salvo accordi scritti, le collaborazioni con RomaMeeting.it, sono a titolo gratuito e non retribuite.  

DAVIDE CUFARO PETRONI E LA SUA ISTAMBUL

 Spazio Art d’Or a Bari

Dal 4 dicembre 2021 fino all’8 gennaio 2022 

DAVIDE CUFARO PETRONI E LA SUA ISTAMBUL

 Un nuovo prestigioso appuntamento nel mese di dicembre con l' Arte allo Spazio Art d'Or (Galleria Multimediale del Made in Italy) diventato ormai un punto di riferimento esclusivo per la città di Bari. L’affascinante scrigno del bello, location di eventi, di brand ed eccellenze esclusivo dove, in questi mesi,  si sono avvicendati grandi nomi della Moda, dell'Arte e del Design, luogo ormai ambito da tutti coloro che desiderano fare conoscere le proprie creazioni.

Il prossimo appuntamento è con l'Artista Davide Cufaro Petroni ... ed Instabul.
A Bari per presentare la sua mostra viene introdotto dal capo redattore di Affari Italiani il noto giornalista Antonio V.Gelormini, la Mostra è a cura di Guido e Marina Corazziari fondatori dello Spazio Art d'Or.

La mostra è una narrazione romantica di Istambul, un tour virtuale in un luogo surreale, scene di vita che sembrano un gioco, rallegrate dal misterioso e frenetico roteare del ballo cosmico dei Dervisci danzanti, un rifugio in cui creare un mondo tutto suo carico di un mistero invisibile dove musica, voce e movimenti diventano un’unica vibrazione, il danzatore roteante diventa parte del tutto, si allontana dalle cose terrene e si immerge nella divinità e lo spettatore viene ipnotizzato dall’armonia melodiosa della danza e partecipa a un viaggio mistico che crea una spirale di comunicazione tra cielo e terra.

Titolo della mostra:

"My Name is East, My Name is West"

Istanbul gateway to Heaven

 

Ridefinire gli spazi, rimodulare il tempo, "My Name is East, My Name is West" è un'opera che si ripropone di affrontare la millenaria dicotomia fra l'Est e l'Ovest di Istanbul, porta fra due mondi, laboratorio a cielo aperto di culture. Ho fissato per così tante volte i suoi contorni, i suoi mille profili, che adesso i miei ricordi sembrano filtrati attraverso di essi, come se fossero sogni realmente accaduti.

I suoi abitanti assorbono, bisognosi, una felicità quotidiana, riconoscendosi nelle curve della Grande Città e, come ansiosi e trepidanti, attendono il sollievo derivante dalla sua astrazione e simmetria, unendo questa complessa dualità, una volta nota al mondo sotto il nome di Costantinopoli. Ogni singolo cittadino ha messo insieme ogni dettaglio e memoria personale, concernente la Città, solamente basandosi sul proprio istinto, al fine di sottolineare l'indissolubile legame esistente fra Istanbul ed i suoi residenti.

L'esperienza della Città, al tempo stesso frammentata e fluida, senza un centro, essendo al centro di sé stessa, fuggendo via da definizioni e costrizioni concettuali, come il Bosforo, sorgente perenne di speranza ed ottimismo, che offre salute e buon auspicio alla propria popolazione. La dicotomia fra l'Est e l'Ovest: l'essere "al centro" per catturarne l'essenza, rimanendone in bilico "ai margini", per conservare un costante, anche se precario, punto di vista. Come un sole sorgente dalla fitta nebbia del mattino, riconoscibile da decine di miglia di distanza, Istanbul ha rappresentato un porto sicuro per tutti i naviganti che hanno perso la propria rotta.

Essa ha nuotato attraverso i secoli della storia per venirci a testimoniare lo splendore che l'umanità  è stata un tempo capace di creare, con l'inconsapevolezza del futuro, concedendo il privilegio di una sincera osservazione a coloro i quali, con il cuore e la mente aperti, liberi da qualsivoglia pregiudizio culturale, fossero curiosi di apprezzare le sue ombre e colori, le sue perenni brezze primaverili e le sue rive.

La meraviglia di navigare su e giù per le rive del Bosforo è di percepire il contrasto fra la libertà e la forza di un mare profondo, sicuro e dinamico, mentre ci si muove all'interno di una città ampia, antica ed al contempo negligente.

Se un giorno nefasto il cielo fosse caduto, le colline di Istanbul lo avrebbero sorretto senza defraudare i suoi abitanti del sapore della beautitudine di un'impacciata utopia celeste. In precario equilibrio, fra sogno e realtà, facendo della sua non - appartenenza, l'essenza di una vita, proprio qui, fra l'etereo ed il concreto, fra un passato incurabile e sete di futuro, sottile filo di seta che tiene uniti due mondi che non potrebbero esistere l'uno senza l'altro, Istanbul rappresenta l'ultimo passo prima di un precipizio profondo, verso un aldilà di non - luoghi e coscienze ancora da raccontare.

Come il Semazen (dervish), durante i suoi rituali, roteando sempre più vorticosamente, si abbandona gradualmente alla meraviglia di una nuova dimensione, ove oggetti e visioni si confondono, sperimentando una nuova pratica di estasi dell'animo, così gli abitanti di Istanbul tentano il loro sacro equilibrio danzando fra l'Est e l'Ovest. Per la necessità di essere, come i Semazen, transnazionali e transculturali, allo stesso tempo, essendo parte del passato e rispondendo ad un desiderio globale e moderno di fusione, partecipazione e condivisione, gli abitanti della Città recuperano il loro conforto quotidiano fra le scogliere del Bosforo: come un rimedio naturale alla miseria della vita, mantenendo viva quella infinita dicotomia fra un consapevole dolore per la grandezza perduta del passato e la consapevolezza di una beatitudine che solo loro sono in grado di estrapolare da una vista così sorprendente.

Il mio cuore palpitante brama l'Occidente quando sono in Oriente e l'Oriente quando sono in Occidente.

Pubblicato: 02/12/2021
Share:


Ultime interviste