N°13/2010 Registro Stampa Trib.di Roma il 19/01/2010 - Direttore Responsabile: Giulio de Nicolais d'Afflitto.
NUMERO 98° Marzo 2019 Anno IX°

Ue e Nato con l'Ucraina in difesa di Mariupol e Berdyansk da Mosca. Legge Marziale in Ucraina.

Ue e Nato con l'Ucraina in difesa di Mariupol e Berdyansk da Mosca. Legge Marziale in Ucraina.

Questa la determinata posizione intransigente dell'Europa dopo i fatti di guerra accaduti ieri 25 novembre 2018 nei pressi dello Stretto di Kerch tra navi militari Russe ed Ucraina: "Mosca allenti tensione e riapra Stretto Kerch" L'Alto rappresentante della politica estera Ue, Federica Mogherini, ha chiesto alla Russia di ripristinare la libertà di circolazione nello stretto di Kerch, che separa il Mar Nero dal Mare d'Azov, e di allentare la tensione dopo le tensioni tra Marina russa e Marina ucraina.
Il segretario generale della NATO e il presidente ucraino Petro Poroshenko hanno parlato stamattina degli sviluppi nel Mar di Azov e nello Stretto di Kerch, compresi gli eventi di ieri che hanno coinvolto navi militari russe e ucraine.
Il Segretario generale ha espresso il pieno appoggio della NATO all'integrità territoriale e alla sovranità dell'Ucraina, compresi i suoi diritti di navigazione totale nelle sue acque territoriali ai sensi del diritto internazionale.
Su richiesta del presidente Poroshenko, il Segretario generale ha convenuto di convocare oggi pomeriggio a Bruxelles una riunione straordinaria della Commissione NATO-Ucraina a livello degli Ambasciatori per discutere della situazione attuale.
Intanto a Kiev il 26 novembre 2018 il Parlamento ucraino ha votato a favore dell'introduzione della legge marziale nelle regioni al confine con la Russia e non riconosce la Transnistria in seguito all'ultima escalation tra Ucraina e Russia vicino allo stretto di Kerch. La legge sarà in vigore nelle regioni Vinnytsia, Luhansk, Mykolayiv, Odesa, Sumy, Kharkiv, Chernihiv, Kherson, Zaporizhia e Donetsk. È previsto che entri in vigore alle 9:00 del 28 novembre e durerà fino al 27 dicembre.Poroshenko ha affermato che la legge "non prevede restrizioni ai diritti costituzionali e alle libertà dei cittadini". Il rappresentante permanente dell'Ucraina all'Onu Volodymyr Yekchenko ha lanciato pesanti accuse contro Mosca, asserendo che la Federazione Russa intenderebbe appropriarsi delle citta ucraine di Mariupol e Berdyansk , invadendole con carri armati che sta ammassando sul confine orientale dell'Ucraina, queste infatti sono le notizie dell'iIntelligence.

Pubblicato: 26/11/2018
Share:


Ultime interviste