N°13/2010 Registro Stampa Trib.di Roma il 19/01/2010 - Direttore Responsabile: Giulio de Nicolais d'Afflitto.
NUMERO 123° Aprile 2021 Anno XI°

SOLANGE. “PER NON LASCIARSI MAI”

 

SOLANGE.   “PER NON LASCIARSI MAI”

 by Angelo Martini

Solange, non c’è più, è andato via, ci ha lasciato all’improvviso, il suo nome d'arte esprime la gioia di vita che ha sempre donato a tutti, il migliore sensitivo dello spettacolo, lui il nostro Paolo, Paolo Bucinelli, trovato senza vita nella sua casa di Collesalvetti (Livorno), sul divano dove sicuramente stava guardando il suo amore preferito, la Tv, lo spettacolo, i suoi colleghi, per scrivere articoli, informarci, aiutare artisti giovani come sempre ha fatto. Siamo rimasti tutti gelati, senza respiro, ancora sbalorditi, increduli.

Io non voglio scrivere un articolo per celebrare le sue gesta, internet è pieno, e poi lui non sarebbe d’accordo, lui che è sempre in evoluzione vuole parlare del momento di adesso, lui che sta promozionando adesso il suo nuovo Liquore come mi ha confidato un po' di tempo fa, lui che sta leggendo la mano ad un big, ad un amico, ad un ammiratore a persona qualunque. E scusate il ritardo ma quando un amico va via io mi blocco, non riesco a scrivere, non vorrei mai archiviare l’articolo, per avere Solange sempre con me, con noi. Per non lasciarsi mai.”  

Caro amico top, ho raccolto integralmente dei bellissimi pensieri, con il cuore, senti cosa pensano di te e cosa ti dicono i tuoi amici, ammiratori conoscenti, ti adorano ti pensano e ci manchi già tanto, tantissimo.

 

Valentina Diouf:

“Tantissimi ricordi della mia infanzia sono legati a te, Paolo, perché per me non sei mai stato Solange ma solo Paolo, la zia Paolo precisamente. Perché tu eri arcobaleno quando ancora non c’era questo termine". Hai sempre vissuto liberamente la tua sessualità e il tuo essere magnificamente stravagante. Vestivi in maniera eccentrica ed io che ero una bambina che si vergognava anche della sua ombra ti ammiravo. Mi ricordo quando mi hai presentato un fidanzato del momento e io non ho pensato al fatto che tu avessi un fidanzato maschio e non femmina, perché per me è sempre stata una cosa normalissima la libertà di scelta anche a 5 anni forse proprio grazie a te, ma ho notato che aveva tutti i brillantini sul telefono e li volevo anche io. Mi ricordo quando mi hai regalato quel toppino fucsia con le piume, avrò avuto 6-7 anni forse, e mi hai detto di sfoggiarlo con fierezza di sentirmi libera di essere chi volevo. In pubblico non l’ho mai indossato perché era presto, non avevo capito il messaggio che volevi darmi, ma poi quel toppino con le piume è diventato metaforico e io lo porto con me tuttora, mi dà la forza di non perdere mai di vista chi sono. Mi ricordo quando tutte le sere tu e la mamma vi telefonavate perché eravate tutt'e due soli e tu ci rallegravi le serate inventando storie e imitando la voce dei personaggi come la Rita Levi Montalcini, la mia preferita, oppure una bambina che voleva giocare con me. Abbiamo riso tanto, abbiamo fatto mille esperienze insieme. Mi ricordo la dolcezza della tua mamma, la Signora Corolla. Eravamo una famiglia diversa ma pur sempre una famiglia. Poi abbiamo preso strade diverse, ma comunque quello che c’è stato ha contribuito a formare la persona che sono oggi. Quindi grazie Paolo dietro quel personaggio frivolo c’è sempre stato molto di più e io lo so perché ho avuto la fortuna di conoscerti. Sarai sempre con me".

 

Antonio:

“All'inizio pensavo a uno scherzo, poi alla decima telefonata ho dovuto prendere atto della realtà. Paolo non c'è più. Solange così come era conosciuto dal grande pubblico ha lasciato questa terra per andare a portare la sua simpatia lassù. Per chi lavora in televisione o comunque nell'area della comunicazione è impossibile non averlo mai incontrato e conosciuto. Che fosse il Gilda a Roma, la Capannina a Forte dei Marmi, il Festival di Sanremo, o uno studio televisivo capitava prima o poi di incontrarlo. A me accadde anni fa quando facevo Piazza Grande su Rai 2. Mi contattò (era il 2006 mi pare) perché doveva fare un'intervista alla nuova conduttrice Roberta Lanfranchi per il settimanale VIP. Lui aveva già i contatti con il suo manager Andrea Mennella e quindi poteva tranquillamente fare per conto suo. E invece, nel rispetto dei ruoli, volle fare tutti i passaggi formali. Ricordo una conversazione al telefono tra il divertente e il surreale (anche perché io, credente convinto, figuratevi come potevo sentirmi con un sensitivo dall'altra parte del telefono), ma si capiva che era una persona buona e sincera. Nel corso degli anni l'ho incontrato diverse volte, e ho scoperto pure che era una persona di fede (non lo avreste mai detto vero?) e che voleva bene alle persone in generale, agli ultimi, cui voleva portare un po' di positività (per questo non prendeva mai soldi da nessuno e si batteva contro quelli che cercavano di truffare le persone). Anni fa a Forte dei Marmi dove ero per lavoro con la mia amica e collega Nancy Squitieri (nella foto) passammo una bella serata in compagnia. Nell'ambiente era amato ma nello stesso tempo temuto. E francamente non ho mai capito perché. Quanto alle previsioni, sicuramente di cose me ne ha dette. Una resta a beneficio di molti. Anni fa la mia amica Maria Cristina Zoppa capeggiava un gruppo di gloriosi colleghi atipici Rai (quelli a partita Iva per intenderci, tra cui il sottoscritto) per ottenere il primo storico accordo sui cosiddetti collaboratori atipici. Nel 2014 la situazione era veramente in fase di stallo. Non si vedevano proprio speranze. Arriviamo ai primi mesi del 2015. Lo incontro a uno studio Rai (forse era la Dear). Insomma, tra un come va e un come non va, gli dico che la vita lavorativa era quella che era. Lui, senza sapere nulla mi fa: "sento che c'è una ragazza molto determinata che sta portando avanti una faticosa trattativa. Non è facile, ma a dicembre si sblocca tutto". Io, senza darci troppo peso, raccontai la cosa qualche ora dopo a Maria Cristina. A dicembre, pochi giorni prima di Natale, venne firmato quello storico accordo. È stata la stessa Maria Cristina a ricordarmelo questa sera al telefono (e si ricordava pure il periodo della previsione: aprile). Altro momento storico fu quando me lo sono visto arrivare a #Casalotti per la giornata CONI e Regione - Compagni di sport, che si era tenuta sabato 12 ottobre 2019 e che promuovevo in qualità di fiduciario CONI del Municipio XIII di Roma. In pratica era andato ospite la mattina su Rai1 e aveva letto sui miei social di questa cosa. E così, senza annunci, era venuto a Casalotti per fare un saluto (potete immaginare le signore di Casalotti come erano contente quando lo hanno visto arrivare ma penso pure il presentatore Angelo Martini e la consigliera Arianna Ugolini). Anzi ora che ci penso quella è stata l'ultima volta in cui l'ho visto di persona. Credo di aver speso più parole per lui che per qualsiasi altro personaggio famoso che ho conosciuto e con cui ho lavorato. Perché Paolo (questo il suo nome) era così positivo che bastava una sua parola di conforto per tirarti su. La sua positività non se ne andrà di certo. E speriamo che ne invii ancora tanta da lassù. Comunque, prima o poi da qualche parte ci rivedremo... P.S. Sono sicuro che ora sarebbe felice di sapere che #Solange è trendtopic sui socialnetwork”.

 

Max Nascente:

 “CI SIAMO CONOSCIUTI 12 ANNI FA AL GILDA DI ROMA, DI RITORNO DALLA MIA ESPERIENZA A HOLLYWOOD ... NACQUE SUBITO UNA BELLISSIMA AMICIZIA... IO ERO MOLTO GIOVANE E TE SOLANGE ERI NEL PIENO DEL TUO SUCCESSO ... DI LA MI HAI AIUTATO NEL CAMMINO DELLO SPETTACOLO... PORTANDOMI CON TE AI TUOI PROGRAMMI SULLA RAI .... MI LANCIASTI POI A MISTER ITALIA CON UN BELLISSIMO SHOW CON TIBERIO TIMPERI... ERI SEMPRE STATO AFFASCINATO DALLA MIA ABILITA' NELLE ARTI MARZIALI... FINTANTOCHE' SEI RIUSCITO A CREARMI UN PERSONAGGIO CHE PORTAI FINO A MEDIASET DA MARIA DE FILIPPI ... ANDAVAMO SEMPRE IN VERSILIA... DOVE ERI MOLTO VOLUTO BENE E TI ACCOGLIEVANO IN MANIERA ECCEZIONALE. E POI ROMA E MILANO... FACEVAMO SEMPRE INSIEME I VIAGGI ... UN GIORNO MI DICESTI CHE SAREI STATO "IL BASTONE DELLA TUA VECCHIAIA... CONFIDANDOMI I TUOI SEGRETI .. MI PORTASTI A SANREMO ... OVUNQUE... CI DIVERTIVAMO... FINO ALL' ULTIMO QUANDO MI HAI AIUTATO NELLA REALIZZAZIONE DEL MIO PRIMO FILM .... ABBIAMO PASSATO 10 VOLTE IL NATALE INSIEME AL CIRCO CHE ERA IL REGNO DEL TUO DIVERTIMENTO FATTO DI COLORI, DI EMOZIONI E DI SPENSIERATEZZA ... TI HO SEMPRE AMMIRATO PER LA TUA DOTE DI SPETTACOLO... SEI STATO UN GRANDE ARTISTA. E SEI STATO IL MIO MAESTRO DI SPETTACOLO... LA MIA SECONDA FAMIGLIA ... NONOSTANTE IL TUO CARATTERE FORTE, LA TUA ESTROVERSITA' CI SIAMO SEMPRE VOLUTI BENE NEGLI ANNI ... IERI L ALTRO NOTTE MI HAI CHIAMATO, PARLANDOMI DEL TUO ULTIMO SPETTACOLO SU RAIUNO PER LA QUALE MI ERO ALZATO PRESTO LA MATTINA PER VEDERTI... PERCHE' IO ERO SEMPRE CON TE ANCHE QUANDO TU ERI DISTANTE DA ME .... NE ABBIAMO PASSATE TANTE... TI HO VISTO LEGGERE LA MANO A CENTINAIA E CENTINAIA DI PERSONE E VIP ... RESTERAI SEMPRE NEL MIO CUORE E MI PROTEGGERAI DAL CIELO COLORATO .... ..... L'UNICO AL QUALE NON HAI MAI LETTO LA MANO... COL CUORE... TUO CARO MAX” 💙

 

Principessa Conny Caracciolo:

Solange era una persona estremamente sensibile lui si dipingeva sempre tutto colorato: i capelli, i vestiti ma anche la sua anima era una farfalla, una persona speciale, il suo stile di vita il suo essere solare. Abbiamo vissuto insieme delle giornate divertentissime io lui e Ciccio Nizzo, nel mitico Gilda, momenti indimenticabili, pieni di gioia perché lui Paolo ti trasmetteva l'amore, il colore della vita. Mi auguro di incontrare sempre persone così, che ti danno questa gioia, questa voglia di essere e di esistere, e stai sicuro eterno amico Solange, che in quel colorato l'aldilà ci rincontreremo💓 per ridisegnare insieme un nuovo arcobaleno 🌈 sicurante colorato da te, con le tue mani, con la tua fantasia con la tua voce!

 

Ciccio Nizzo:

Mi mancherà il mio grande amico artista Solange, compagno di viaggio indimenticabile che ha colorato serateindimenticabili al Gilda le nostre notti top di Roma, dando visibilità a tanti giovai artisti, quanti compleanni insieme.

Siamo rimasti sempre in contatto telefonico una persona eccezionale un vero sensitivo che ha lasciato la bellezza di vivere nei nostri cuori.

 

Renata Marzeda:

“Sono stata invitata da Angelo Martini ad un evento la presentazione del libro “La Storia della Disco Music” al centro di Roma dove lui era tra gli illustri ospiti non lo conoscevo personalmente, ma   e lo stavo fotografano, subito mi è piaciuto perché era tutto colorato nel vestire ma soprattutto nella sua anima, gentile e di talento, così mi sono subito tornati in mente i miei quadri.”

 

Ekaterina Tzvetinova:

 “That magic vision 🎆 and touch to the heart 💕! An amazing artist, that could tell everything from your hands..from behind and beyond! For me, just that look and real inspiration! “Solange”, can really be remembered for his VISION, COLORFUL and HAPPY style! RIP

 

David Dell'Omodarme:

”Amico mio, abbiamo passato momenti magici assieme in tutti questi anni, sono cresciuto con te vicino, anche se troppe volte ci siamo persi per poi ritrovarci più legati di prima, colpa dei nostri caratteracci (come dicevi tu). Da te ho imparato tanto solo osservandoti, eri molto più di quel che lasciavi trasparire, artista poliedrico, uomo di una sensibilità smisurata, sono certo che lassù starai dirigendo il tuo folle circo, circondato da una folla che ti applaude. Perché Paolo il tuo show non è finito, ha solo cambiato dimensione, e qui ti porterò sempre, ti voglio bene amico mio. Deb Blood: “Avrei voluto viverti di più ...avrei voluto visitare posti e luoghi che mi avevi tanto parlato…tanti progetti, ambizioni. Farò in modo che il tuo ricordo rimanga sempre vivo nelle persone che come me ti hanno voluto un bene infinito. Mi manchi tanto Sole”.

 

Debby:

Avrei voluto viverti di più ...avrei voluto visitare posti e luoghi che mi avevi tanto parlato…tanti progetti, ambizioni. Farò in modo che il tuo ricordo rimanga sempre vivo nelle persone che come me ti hanno voluto un bene infinito. Mi manchi tanto Sole.

 

Francesca Vallini: 

“Caro Amico Mio , sarai il ricordo prezioso che terrò nella stanza segreta della mia Anima ... in quel luogo saremo insieme per sempre ... Tu Sai, Io So’ ... Con Amore Amica Tua Frency ❤️”

 

Angelo Martini:

“Ciao caro mio amico Solange sei forte ... artista di talento prof. Solange psicologo, ci hai fatto uno scherzo sei andato a leggere il futuro chissà dove!!! .ma senza te non c’è futuro già̀ ci manchi tanto .. Onorato, mi hai fatto presentare al Gilda, tanti tuoi eventi il tuo bellissimo libro dedicato a tua madre “Orsacchiotto Corallina Mamma”, e al prestigioso locale la Capannina con l’amica Floriana Secondi il tuo compleanno show, serata indimenticabile con tanti amici che ti amano e stimano. La tua cultura e sensibilità̀ mi hanno sempre colpito, ma soprattutto ti chiedevo di farmi le vocine dei cartoni, sei un fenomeno!!

E ultimamente non potevi mancare a Roma con il nostro amico Antonio, con i bambini sportivi del Coni per dare il tuo contributo artistico allo sport, detto fatto sei stato di parola come sempre. Ci siamo sentiti poco tempo fa, ed eri felice per aver dato la tua immagine al nuovo liquore che stai lanciando, stavi, stavi. TVB non ti dimentichiamo nostro Sensitivo Numero Uno, scrittore opinionista, tutte le Tv non potevano fare a meno di te ma soprattutto Solange, nostro Solange del tuo Cuore della tua gioia, che riempiva i nostri cuori di felicità e di allegria affascinati dal tuo modo di vestire colori, da tutti i colori della tua anima...Forever..

Angelo e tutti noi, bro.. friends.

 

 

Pubblicato: 18/03/2021
Share:


Ultime interviste