N°13/2010 Registro Stampa Trib.di Roma il 19/01/2010 - Direttore Responsabile: Giulio de Nicolais d'Afflitto.
NUMERO 93° LUGLIO 2018 Anno V

Il tribunale sta condannando l'ex premier Yulia Tymoshenko per omicidio

Il tribunale sta  condannando  l'ex premier Yulia Tymoshenko  per omicidio

di Giulio de Nicolais

Il tribunale di Kiev sta per incriminare l'ex premier Yulia Tymoshenko di omicidio per l'assassinio dell'oligarca ed esponente politico Evgheny Shcherban all'aeroporto di Donetsk nel 1996. Il procuratore Renat Kouzmin, ha annunciato, in una intervista al quotidiano ucraino Kommersant, di aver raccolto ''prove sufficienti'' per formalizzare l'accusa. La vittima, ha spiegato, aveva un conflitto di interessi con Tymoshenko, responsabile in quel momento della distribuzione di gas russo in Ucraina, e impegnata a convincere le imprese della regione di Donetsk ad acquistare gas dalla sua societa' forte del sostegno del premier di allora, Pavel Lazarenko (che ora e' detenuto negli Stati Uniti per riciclaggio di denaro).  Tymoshenko, sconta in carcere una condanna a sette anni per abuso di potere.

Il procuratore generale ucraino aveva in precedenza ordinato al sistema penitenziario e al ministero della sanita' di prendere le misure per garantire nel quadro della legge gli esami medici e le cure fuori del carcere per l'ex premier Iulia Timoshenko. Lo riferisce l'agenzia Interfax. La decisione del magistrato ''dopo aver letto una lettera dei legali della Timoshenko - si legge in un comunicato stampa della procura generale ucraina - consegnatagli personalmente il 23 marzo dai membri del Blocco Timoshenko''.

A proposito della vittoria di Viktor Janukovich  (Віктор Янукович) al ballottaggio delle elezioni presidenziali del  febbraio 2009, Janukovich battè Julia Timoshenko, una delle protagoniste della “Rivoluzione arancione”, cioè uno dei personaggi che aveva impedito a Janukovich  di prendere il potere nel 2004  ma costei aveva "molti scheletri" nascosti nel suo armadio!

La maggior parte dell’opinione pubblica internazionale e gli addetti ai lavori ritennero che l’Ucraina, con Janukovich Presidente della Repubblica, stesse virando  bruscamente ad EST. Tuttavia durante la sua prima visita ufficiale a Bruxelles il presidente ucraino Viktor Janukovich già ribadì che l’integrazione nella Ue rimaneva una priorità del suo governo e che lui avrebbe  continuato la modernizzazione del paese, e  che nessuno avrebbe potuto fermarne la crescita dei media privati e dell’economia. Tuttavia nonostante le buone volontà presidenziali, l'Ue ha fortemente raffreddato i rapporti con l'amministrazione Janukovich al momento dell'imprigionamento della Timochenko. Tuttavia alla luce delle nuove pesanti, documentate accuse, la posizione di Bruxelless potrebbe cambiare.

Il Presidente Viktor Janukovich, pertanto, rimane l’unica garanzia attuale dell’indipendenza, dell’unità e della crescita sociale ed economica dell’Ucraina, nazione  che è sempre stata il crocevia geografico e culturale tra Europa ed Oriente. Prova ne sono le molteplici e moderne riforme che sono state e ffettuate in questi ultimi mesi e gli investimenti predisposti per la migliore realizzazione in Ucraina degli Europei di calcio 2012.

Pubblicato: 02/04/2012
Share:


Ultime interviste