N°13/2010 Registro Stampa Trib.di Roma il 19/01/2010 - Direttore Responsabile: Giulio de Nicolais d'Afflitto.
NUMERO 105° Ottobre 2019 Anno IX°

CONDOMINIO DELL’ARTE – ITRI (LATINA) 14 E 15 DIEMBRE 2018.

“LA NOSTRA PASSIONE E’ IL MADE IN ITALY”.
IN ATTESA DEL NATALE,
DUE GIORNATE DEDICATE ALLA BELLEZZA,
ALLE TRADIZIONI E AL MADE IN ITALY.

PRESSO IL TEATRO PUNTO ZERO, VIA DEGLI ARTIGIANI 46,
DI ITRI, LATINA: VENERDI’ 14, ORE 20 E SABATO 15 DICEMBRE,  TUTTO IL GIORNO, SI SVOLGERANNO DUE GIORNATE DI DIVULGAZIONE DEL PROGETTO “IL MODELLO ITALIANO NEL MONDO”, REALIZZATO DALL’ASSOCIAZIONE
IL CONDOMINIO DELL’ARTE, DI ITRI.

CONDOMINIO DELL’ARTE – ITRI (LATINA) 14 E 15 DIEMBRE 2018.
 Prosegue la divulgazione del Progetto “Il Modello Italiano nel mondo”, realizzato dal Condominio dell’Arte, alla ricerca della qualità italiana da proporre, in tutte le sue sfaccettature, in ogni città italiana e dovunque vi sia a cuore la nostra instancabile voglia di far conoscere la professionalità degli operatori italiani, in tutti i settori del lavoro e della società.
Si parte con la serata di venerdì 14 dicembre, dalle ore 20, organizzata e condotta dall’Opinionista televisiva e blogger milanese Ketty Carraffa, (che premierà alcuni esponenti della società civile locale, con il Riconoscimento Internazionale “Le donne, acqua nel deserto”, legato al suo progetto di sensibilizzazione, contro la violenza sulle donne).
La serata, che sarà un talk show, nel bellissimo contesto del Teatro Punto Zero, di Itri e in cui si esibiranno numerosi artisti, sarà dedicata all’incontro tra Arte/Cultura/Artigianato/Tradizioni e divertimento assicurato, attraverso il supporto della Musica, delle interviste a Imprenditori e supporti di operatori da tutto il mondo, con i loro messaggi in video, di divulgazione della qualità italiana.
Saranno presenti gli operatori delle istituzioni e delle imprese che vorranno impegnarsi a trasmettere la qualità italiana, anche nell’ambito dei prossimi eventi a livello locale, nazionale e alla prossima Fiera del Turismo, (Bit), del 2019 e vi sarà degustazione di prodotti tipici locali.
LA GIORNATA DI SABATO 15 DICEMBRE, sarà invece una “NON STOP” DI INCONTRI DI APPROFONDIMENTO, TRA: OPERATORI TURISTICI, CULTURALI, ISTITUZIONALI, SOCIALI, IMPRENDITORIALI E DELL’ARTIGIANATO DELLA ZONA.
(seguono locandine)
Info: Ketty Carraffa – Responsabile Nazionale Comunicazione e Web
ketcar_2000@yahoo.it - 3382610554
Associazione Condominio dell’Arte
Via degli Artigiani, 46 – 04020  ITRI (LT)
Tel. 0771.311441 – Cell. 333.2129547info@condominiodellarte.com – www.condominiodellarte.com
Un “Modello Italiano” esiste, con la grande tradizione della qualità e di tutte le “bellezze” del nostro grande Paese.
Di Ketty Carraffa – Conduttrice Talk Show 14 dicembre – Spazio Punto Zero  - Itri (Docente Comunicazione)
Mi capita spesso di organizzare o intervenire a incontri dove si parla e si discute, oltre che di precarietà del lavoro, anche di prospettive per il futuro delle nuove generazioni e dei nostri territori, intesi come luoghi dove possano fiorire alternative alla fuga all’estero dei famosi “cervelli”.
In provincia di Latina, a Itri, borgo medievale sulla Via Appia, nel territorio conosciuto come “la Terra dei Briganti” e di Fra’ Diavolo, avrò ancora l’occasione di condurre le due giornate di incontro e divertimento, che si terranno presso il Teatro Punto Zero di Itri, il 14 e 15 dicembre, organizzate dall’Associazione Il Condominio dell’Arte, alla presenza delle autorità cittadine, personalità della cultura, dello spettacolo e imprenditori, proprio alla ricerca di un nuovo “Modello Italiano nel mondo”, per continuare a proporre la via della “qualità italiana”, a istituzioni e soggetti del lavoro dell’intero territorio.
 
Il Progetto, nato alla Bit, Fiera del Turismo Internazionale di Milano nel 2018, coinvolge gli artigiani, i piccoli imprenditori e tutti i soggetti interessati, che intendono cambiare anche culturalmente, le proposte lavorative, per il mantenimento della qualità del Made in Italy, sempre più attaccata dalla globalizzazione, dal costo del lavoro e delle materie prime.
La riflessione è sul futuro immediato del nostro Paese, ricchissimo di Storia, tradizioni e Cultura, che potrebbe ad esempio far vivere tutti noi lavorando nel Turismo, ma che, in questo momento storico, racconta storie di donne e uomini con profonde crisi lavorative e di identità.
Per stringere il cerchio, ci rendiamo conto che, nonostante gli sforzi e i continui tentativi di artigiani e datori di lavoro creativi e innovativi, la crisi partita dal fatidico 2001, è tuttora in atto e le città, come i paesini, si riempiono di centri commerciali, a scapito dei piccoli negozi e vecchie botteghe che non riescono più a sopravvivere con le loro attività. Le grandi e piccole fabbriche chiudono i battenti e, con l’arrivo di merce di bassa qualità, sembra tutto omologato, senza differenze, troppo industriale e senza anima creativa.
 
Il “Modello Italiano”, dovrebbe esistere rispetto al mantenimento delle tradizioni, di una memoria storica a cui attingere anche semplicemente gustando i nostri sapori tipici, nelle trattorie di “una volta”, nelle sagre, o passeggiando per le campagne o in quelle strette vie delle nostre città, rimaste intatte nel tempo.
Percorrendo il nostro stivale, non è ormai così strano ritrovarsi in una società multietnica che ci porta ad apprezzare il cambiamento della società, la forza che gli italiani dimostrano nel mantenimento del patrimonio comune e universale da difendere, ma anche la percezione che molto è andato perduto, anche i rapporti umani sani, senza cattiverie che, questo mondo virtuale e troppo “social” mette in discussione troppo spesso.
Nulla è perduto però, se ognuno di noi anche nel suo piccolo ambito, fa in modo di tornare a pensare che è solo con l’impegno e la valorizzazione dei nostri saperi e della collaborazione, che il lavoro tornerà al centro dell’attenzione, trasmettendo ai ragazzi e alle ragazze, la voglia di restare nei luoghi dove sono nati e contribuire ad un nuovo sviluppo e bellezza italiana…
E’ per questo che intendiamo coinvolgere realtà di ogni ambito, per proseguire nella divulgazione del “Modello Italiano nel mondo”
Pubblicato: 10/12/2018
Share:


Ultime interviste