N°13/2010 Registro Stampa Trib.di Roma il 19/01/2010 - Direttore Responsabile: Giulio de Nicolais d'Afflitto.
NUMERO 122° Marzo 2021 Anno XI°

Musica medievale nella Viterbo sotterranea

Suoni e canti del medievo, veri e propri inni templari e di crociata, prenderanno vita, il 25 novembre alle ore 17, in un concerto esclusivo e prezioso, nel cuore della città nascosta

Musica medievale nella Viterbo sotterranea

Un percorso emozionale unico e imperdibile, dove le storie della antica Viterbo si fondono con i suoni e i canti del medioevo, nel ventre della città sotterranea..

 

Un evento che vuole offrire un’avvincente occasione per scoprire il fascino e il mistero dei sotterranei di Viterbo, e per ascoltare e conoscere in maniera più approfondita la musica sacra e profana - italiana ed europea - del due/trecento.

 

De Profundis clamavi ad te

 

Si ascolteranno canti di devozione e di narrazione, veri e propri inni templari e di crociata, che erano volti ad infiammare ed infervorare le coscienze dei principi per indurli a partecipare alle crociate in terra santa e liberare il Santo Sepolcro.

 

Come in un rituale esoterico-alchemico, il viaggio nel cuore della terra sarà accompagnato dalla musica: danze sacre e danze della morte, ma anche antichi canti d’amore e di pellegrinaggio; il suono della voce umana, degli strumenti a corde e soprattutto del tamburo, che con il suo suono profondo e scuro richiama più di ogni altro la profondità terrestre.

 

Un’esperienza magica ed evocativa che non mancherà di sorprende ed affascinare con il suo antico mistero.

 

Simone Sorini – Cantore al liuto (tenore), ricercatore, autore

 

Il suo stile vocale non accademico ed  immediatamente  riconoscibile  è  molto  apprezzato  in Europa, dove si è esibito nei più importanti teatri e festivals - è membro storico dell’Ensemble Micrologus, nonché fondatore e coordinatore musicale dell’Ensemble Bella Gerit.

 

Tenore e polistrumentista, è un versatile interprete dei repertori liutistici dal medioevo al primo rinascimento; si esibisce da solista utilizzando i suoi strumenti per accompagnarsi nel canto, essendo così tra i primi a riportare in luce l’antica professione del “Cantore al liuto”, definizione storica attribuita spesso a Francesco Petrarca, ma propria di musici e compositori italiani sul finire del ‘400.

 

 

Per info e prenotazione (obbligatoria): 0761/ 22.08.51  

welcome@tesoridietruria.it       www.tesoridietruria.it

Pubblicato: 23/11/2012
Share:


Ultime interviste