N°13/2010 Registro Stampa Trib.di Roma il 19/01/2010 - Direttore Responsabile: Giulio de Nicolais d'Afflitto.
NUMERO 116° Settembre 2020 Anno X°

Madame Lagarde, ai vertici della Bce, troppo amica di Angela Merkel ai danni dell'Italia?

Madame Lagarde, ai vertici della Bce, troppo amica di Angela Merkel ai danni dell'Italia?

C.Lagarde dovrebbe essere licenziata subito, seduta stante? Poche chiacchiere. Avrebbe dato alla Germania la possibilità concreta di comprare le nostre aziende a prezzo di saldo? La Merkel molto tempestivamente ha messo a disposizione 500 miliardi di euro per questo scopo. Chi glieli ha dati? Guarda caso nel giono del crollo delle borse e in particolare del default della borsa italiana.

Qualora fosse vero tutto questo, la Lagarde dovrebbe essere licenziata e processata, tanto per cominciare!!!
Quando un'azienda chiude per tempi lunghi è difficile farla ripartire. L'amministrazione ne risente sul piano della gestione per rimettere in moto tutti i processi. Quella che ne risente di più è la supply chain. Anche i fornitori sono stati in quarantena e non è detto che tutti si ritornino a lavorare all'unisono. Perdere un fornitore crea grande difficoltà per un'azionda manifatturiera. Le difficoltà che incontreranno le nostre aziende alla riapertura saranno frustranti e non sarà facile riguadagnare la fiducia dei risparmiatori.
 
Una crisi finanziaria delle maggiori aziende quotate in borsa con una tale cospicua perdita di capitalizzazione si ripercuote a cascata su tutta supply chain. 
Ecco allora, che se si presenta un investitore straniero con i soldi in mano la tentazione di molti imprenditori e di molti CdA sarà quella di cedere quote per avere una trasfusione immediata di nuova capitalizzazione. 
 
L'operazione Lagarde-Merkel di giovedì scorso s'inquadrerebbe perfettamente nella visione strategica tedesca di impossessarsi di aziende che sono utili e funzionali all'economia tedesca?
 
L'italia dovrebbe agire tempestivamente in contropiede in modo da favorire la ricapitalizzazione con capitali freschi.
Il problema è che l'Italia è fortemente indebitata, la fiducia è scarsa e i capitali possono essere ottenuti solo a debito.
 
Siamo incastrati nella morsa BCE-Germania? 
Pubblicato: 15/03/2020
Share:


Ultime interviste