N°13/2010 Registro Stampa Trib.di Roma il 19/01/2010 - Direttore Responsabile: Giulio de Nicolais d'Afflitto.
NUMERO 137° Giugno 2022 Anno XII° Salvo accordi scritti, le collaborazioni con RomaMeeting.it, sono a titolo gratuito e non retribuite.  

Il terrorismo di matrice jihadista è entrato nella nostra quotidianità.

In seguito agli attentati di New York e Washington del settembre 2001, cui hanno fatto eco quelli di Madrid del marzo 2004 e di Londra del luglio 2005, il terrorismo di matrice jihadista è definitivamente entrato nella nostra quotidianità.

Il terrorismo di matrice jihadista è entrato nella nostra quotidianità.

Con il terribile attentato del 7 gennaio a Parigi presso la redazione del giornale satirico Charlie Hebdo la libertà di stampa ed espressione, fondamento delle nostre democrazie, sono state profondamente colpite, non solo in Francia ma in tutto il mondo. Gli assalti armati dei giorni successivi, e quello di oggi 9 gennaio, l'attacco ad un negozio kosher nella periferia di Vincennes, stanno tenendo sotto scacco la Francia. Come dichiarato dalla NSA statunitense si tratta solo dell'incipit di una strategia stragista. Infatti stimo che questo attentato sia solo l'inizio di una strategia della tensione che ha già fatto alzare ad un livello di massima allerta di sicurezza i governi di Italia, Svezia, Olanda, Gran Bretagna. La situazione di pericolo si aggraverebbe se in l'Europa prendessero piede forze disgregatrici ed esocentriche. Le prossime elezioni greche e lo spauracchio dell'uscita dall'euro sono un ulteriore fattore destabilizzante.

 

Il "dizionario dei movimenti jihadisti"  delinea alcuni dei principali movimenti della galassia internazionale.

Antonella Colonna Vilasi

Pubblicato: 20/01/2015
Share:


Ultime interviste