N°13/2010 Registro Stampa Trib.di Roma il 19/01/2010 - Direttore Responsabile: Giulio de Nicolais d'Afflitto.
NUMERO 117° Ottobre 2020 Anno X°

Gian Marco Tavani: “…il mio sogno è il film d’azione! Magari, il James Bond italiano...

 

Gian Marco Tavani: “…il mio sogno è il film d’azione! Magari, il James Bond italiano...

 by Tatiana Vishnyakova 

 

 

 

Gian Marco, come è stato lavorare con loro nel film Made in Italy?

Liam Neeson è una vera star, sempre umile e con una voce pazzesca. Si è instaurato tra noi davvero un bel rapporto. Anche con James, artista che apprezzo come attore e anche come regista ora.

Ti senti veramente made in Italy? Hai girato tanto il mondo, hai studiato in America, ma ritorni sempre nella tua amata terra, qual’è il tuo posto preferito, veramente, dove ti senti più amato, dov’è la tua gente?

Assolutamente Made in Italy ma cresciuto nel mondo. La mia gente ...  “la mia gente” sono tutte le persone aperte di mentalità, che hanno viaggiato e che amano la vita. Amano viverla con sincerità e umiltà ma sempre con tanta determinazione. La mia gente sono spesso quelle persone che anche nelle difficoltà trovano lo spazio per un po’ di ironia ed humor .

Racconta come sei arrivato così giovane ad essere così apprezzato? Qual è il segreto?

Come ho fatto? Non ho una tecnica , però sono cresciuto con due donne, mia nonna e mia mamma. Mi hanno insegnato tanto sulla vita da un punto di vista femminile e oggi sono un ammiratore delle donne prima di tutto. Le loro sensibilità , il loro punto di vista diverso, la contorsione dei loro pensieri a volte addirittura mi intriga.  Diciamo  però, che non amo i pettegolezzi e la parte delle donne che cerca sempre i problemi, noi uomini siamo più semplici in questo. Io ho sempre cercato di trovare me stesso, di capire cosa mi piacesse fare o che avventura professionale  intraprendere e cosa non intraprendere. Poi mi ci sono sempre buttato in ogni cosa al 100% indipendentemente che fosse la notte degli Oscar o la sagra della salsiccia. Vengo da una piccola cittadina che mi piace, ma mi sento a casa anche nella grande città.

La domanda che tutti vogliono sentire, e dopo aver chiacchierato con te al lungo, mi viene in mente una storia che mi hai raccontato, di quando eri a Parigi e, appena hanno saputo che sei italiano, sei stato circondato dai tuoi fan, fascino latino? Il latin Lover colpisce ancora? E com’è il tuo rapporto con i fan? Donne ovviamente?

In Francia l’italiano è estremamente ammirato (dalle donne) e estremamente attaccato (dagli uomini) , questa dicotomia è interessante. Io ho partecipato ad alcune trasmissioni televisive e oggi in Francia mi considerano quasi uno di loro con un calore da italiano .

Quanti progetti! Ora sei anche con le Iene ? Sei soddisfatto?

Un sacco di progetti anche se il periodo è quello che è . Le Iene continuano anche se con tutte le limitazioni date dalla situazione attuale. Io ho un nuovo progetto YES WEEKEND, che è stato ideato da me e non sarà un brusco di Sky Meteo, nel quale facciamo scoprire i luoghi più misteriosi o le cose più originali da fare: tra alloggi, ristorazione e attività adrenaliniche in giro per l’Italia. Guardate su @yesweek_end e non perdetevi le prossime puntate in collaborazione con @visit_milano.

Prima di chiudere l'intervista, volevo chiederti, ma tu come ti senti nei tuoi personaggi, più drammatico o commediante? Qual’è il ruolo che più ti rispecchia?

Non mi sento assolutamente drammatico anche se molti mi dicono che da comico funziono ma nei ruoli drammatici spacco .  A me piace fare l’attore per divertirmi e trovo che i ruoli comici siamo molto più divertenti , anche se il mio sogno sono i film d’azione! Magari un prossimo James Bond italiano...

Racconti o vivi i tuoi personaggi?

Io VIVO assolutamente tutti i miei personaggi ... a volte me li portò dietro per un po’ ... ma in realtà credo che dentro di noi li abbiamo già tutti e anche molti di più... quindi il bello, sia solo nello scoprirli!

Io Tatyana, congelata dentro uno schermo, retroilluminato, mi sento particina agonizzante, e si, aspetto un nuovo Made in Italy..

Grazie, Gian Marco. 

(nelle foto in alto Gian Marco Tavani nelle scene del film Made in Italy, nelle foto in basso Gian Marco Tavani, la giornalista Tayana Vishnykova, Laura Pagani Cesa, Patrizia Zanetti e Lidia Levantino)

Pubblicato: 13/10/2020
Share:


Ultime interviste